Home

Nel centro di Onda Sonora si offrono "Percorsi musicali specifici" per donne in gravidanza, per bambini da 0-6 anni, Massaggio bebé e Massaggi sonori rilassanti ed equilibranti con le campane tibetane.

L'ascolto di musica barocca (Bach, Handel, Vivaldi, Corelli,...), grazie alla sua ricchezza melodica e il suo ritmo regolare (55-70 battiti al minuto), permette al cervello di passare da uno stato di iperattività ad uno stato di tranquillità e di rilassamento, stimola il rilascio di endorfine e riduce il livello di ormoni dello stress nel sangue. Questo dona uno stato di benessere al bambino ma anche alla madre la quale, grazie a questo tipo di ascolto, avverte un maggior senso di rilassamento e trasmette gioia e amore al suo piccolo. Anche la musica di Mozart, riconosciuta da diversi studiosi, in primis Tomatis e denominata "l'effetto Mozart" permette alla persona che l'ascolta di entrare in ascolto di sé stessa, di sentire un benessere generale e di rilassamento ma contemporaneamente di vitalità. Secondo Tomatis questo è dovuto a ciò che Mozart, inconsciamente poiché molto giovane, ha inserito nelle sue composizioni. La sua musica è universale, e grazie ai suoi ritmi , alle frasi musicali fluide e alla ricchezza dei suoni acuti va a toccare il nucleo profondo della persona. ( "Perché Mozart?" di Alfred Tomatis ed Ibis). L'ascolto ripetuto durante la gravidanza di brani musicali, quelli più amati dalla madre,(vanno anche bene musiche New Age, classiche dolci come sonate di Chopin, Beethoven, musiche etniche,...) hanno dimostrato il riconoscimento di essi da parte del nascituro e gli danno sicurezza e tranquillità. Ancora di più delle musiche è il canto eseguito dalla mamma durante la gravidanza, sia cantando liberamente sia cantando direttamente al bimbo. Da ricerche fatte, se durante la gravidanza il bambino è stato immerso in un mondo sonoro sentendo musica e sentito cantare la sua mamma sarà stimolato a produrre lallalazioni musicali più precocemente e con maggior ricchezza musicale.

La voce della mamma è il suono più importante che il bambino sente e riconosce già nel utero, perciò durante la gravidanza si può instaurare una prima relazione sia cantando ninnananne, canti di relazione, melodie, canzoni in generale, sia cantando dei vocalizzi (canto e respirazione energetica) secondo la pratica del Dottor Leboyer.(L'arte di partorire, di Frédérick Leboyer, ed RED)

Il canto della madre permette una relazione affettiva, un ascolto e un'attenzione empatica verso il bimbo.

"E' importante che la mamma canti, o parli cantando, anche se pensa di essere poco intonata. E' la vibrazione emotiva che ne scaturisce che arriva direttamente al cuore del bambino." Thomas Verny

"Ascoltare la voce della madre è la prima manifestazione d'attaccamento durante il primo mese di vita." John Bowlby.

Il canto di ninnananne o di canti di relazione si fa ponte fra il pre e il post natale; è elemento di continuità sonora e affettiva poiché il feto è già in grado di percepire e ascoltare la voce della madre. Questo l'aiuterà, una volta nato, a tranquillizzarsi e sentirsi accolto perché ritroverà le stesse canzoni che la mamma gli cantava quando era in grembo, permettendogli di riconoscere il già noto. Infatti il feto non solo sente ma ascolta e più tardi riconosce. Inoltre le vibrazioni delle onde sonore della voce materna e del padre danno al bimbo un dolce massaggio, una coccola sonora in quanto oltre le vibrazioni sonore passano anche le emozioni e l'amore verso il piccolo. I genitori, cantando per lui, trasmettono la loro gioia, il loro amore, le loro fantasie per questo essere che sta crescendo e permette loro di pensare al loro ruolo genitoriale ed educativo; crea uno spazio mentale ed emotivo per accogliere questo bimbo. Inventando delle ninnananne su semplici melodie ma con parole apposite per il proprio piccolo si crea nella triade un rapporto profondo ed empatico.

La voce durante il parto accompagnata dal suono della tampura favorisce alla gestante una consapevolezza migliore del proprio corpo ponendosi in contatto con il proprio sé, procurandole un benessere profondo. Il canto di vocali fatte sull'espirazione aiutano la donna a rilassarsi e a entrare in sé stessa sentendosi in sintonia e in comunicazione profonda con il proprio bambino. Ciò la potrà aiutare durante il parto quando, grazie al respiro, al potere della propria voce e al rilassamento riuscirà a concentrarsi sulle sue sensazioni, ad aprirsi e a dilatare il collo dell'utero più facilmente e a gestire le ondate dolorose delle contrazioni, una analgesia naturale ma potente! Questo le procurerà più consapevolezza di quello che le sta succedendo, del suo essere donna e le darà forza e fiducia in sè stessa. Inoltre attraverso la voce si sentirà maggiormente in contatto con il suo bimbo e si metterà in sintonia con lui per affrontare insieme questo momento magico della nascita. "13)Per me il canto con le vocali è stato veramente molto importante. Mi ha fatto sentire più vicina al travaglio e più in sintonia con il mio corpo. Durante il parto mi ha aiutata tantissimo a superare le doglie." (da Testimonianze)

Per saperne di più

Onda Sonora, via Cantonale 30a, 6929 Gravesano, +41 79 6892163, info@ondasonora.ch